Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C.

BROTZU ONLINE
BROTZU MEDIA
LA REDAZIONE
LA SCUOLA

Inchieste

Primo maggio 2010

 

Parlare di festa dei lavoratori nel pieno della più grande crisi economica, finanziaria e sociale dopo quella del 1929 (la prima crisi realmente globale) è abbastanza difficile. Molti esperti di economia ed istituti internazionali hanno ricostruito le origini, i processi e le responsabilità di questa situazione; sicuramente non si uscirà dalla crisi né domani né dopodomani: essa è destinata a pesare sul nostro futuro e, soprattutto, su quello delle nuove generazioni.

Poiché uno dei valori fondanti della nostra Carta costituzionale è il lavoro e il 1° Maggio si celebra la festa dei lavoratori, ci sembra doveroso ricordare i tanti problemi di oggi e le realtà nelle quali si trovano  quotidianamente tanti cassintegrati, licenziati, disoccupati, inoccupati, precari, giovani senza una prospettiva di occupazione, lavoratori in mobilità, migranti che perdono il lavoro e la possibilità di restare nel nostro Paese, laureati che hanno studiato, hanno competenze, talento e sono costretti ad andare fuori dall’Italia per lavorare a un progetto di ricerca, l’elenco dei senza lavoro potrebbe continuare ancora.

I dati pubblicati dall’ISTAT (Rilevazione sulle forze di lavoro nella media del 2009 diffusa proprio in questi giorni) confermano un quadro sconfortante, specie per il Sud e la nostra isola: la Sardegna insieme alla Sicilia e la Campania è la regione con il tasso di disoccupazione più alto d’Italia. Sempre secondo l’ISTAT,  c’è stato un incremento del tasso di disoccupazione giovanile, passato dal 21,3% del 2008 al 25,4% nel 2009. Anche in questo caso a livello territoriale le regioni meridionali mostrano i livelli di disoccupazione più alti, soprattutto Sardegna, Sicilia e Basilicata (con valori pari rispettivamente al 44,7%, 38,5% e 38,3%).

 

Se, come scrisse Giuseppe Di Vittorio, “le classi lavoratrici sono la democrazia e sono lo Stato”, allora dedichiamo ai (non)lavoratori  appartenenti alle categorie elencate sopra - anche loro sono la democrazia e sono lo Stato una breve storia delle origini della FESTA DEL LAVORO.

  

aemme





 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questo articolo
Credits