Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C.

BROTZU ONLINE
BROTZU MEDIA
LA REDAZIONE
LA SCUOLA

Brotzu Radio

Brotzu Radio

Per chi suona la campana?

Per chi suona la campana è il titolo di una trasmissione dedicata alla scuola, all’interno della quale c’è l’intervista che la classe IV B del nostro liceo scientifico ha rilasciato alla giornalista Schiffini a proposito della didattica con l’uso di internet.

 

Il link seguente  >>>   Per chi suona la campana n.6   rimanda alla trasmissione radiofonica di Radio1

 

Parliamo di questa trasmissione approfittando di questo spazio perchè la classe del nostro Liceo è stata ospite negli studi della RAI  in occasione della puntata n. 6.  I ragazzi parlano proprio del lavoro che hanno fatto  sulla letteratura italiana;  un articolo più dettagliato  è pubblicato sempre all’interno del giornale on line per documentare integralmente il lavoro della classe guidata dalla prof.ssa Maria Rosa Giannalia.

 

"...La scuola sarda parla alla radio per quindici puntate. Saranno studenti, dirigenti scolastici, insegnanti, genitori, insomma quanti vivono ogni giorno dentro le aule di ogni ordine e grado, a raccontare quale momento vivono le scuole della Sardegna, con quali problemi e prospettive. Sarà l’occasione soprattutto per raccontare l’impegno e la passione che, nonostante tante difficoltà, continua ad animare la vita scolastica, confluendo in esperienze didattiche, progetti sperimentali e opportunità di incontro che meritano di essere conosciute. Naturalmente ci sarà spazio anche per le considerazioni di chi studia le trasformazioni della realtà scolastica isolana e, più in generale, nazionale. E, per un utile confronto, racconteremo anche quanto avviene nelle scuole in altre realtà regionali, anche per individuare, proporre e suggerire soluzioni alternative ai problemi sardi. Dagli asili nido alla formazione universitaria: non sarà trascurato nessuno, uscendo in realtà dai confini della scuola dell’obbligo per discutere soprattutto di istruzione. E anche di cultura. Per 15 puntate la scuola avrà i microfoni a sua disposizione per mezz’ora...".

 

 

Per saperne di più vai all’articolo  >>>       Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori… ma come si divertivano?

 

 

 

aemme





 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questo articolo
Credits