Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C.

BROTZU ONLINE
BROTZU MEDIA
LA REDAZIONE
LA SCUOLA

Cultura  / Teatro

L'Iliade in chiave comica

L’Iliade in chiave comica

 

Il giorno 23 di Ottobre, la mia classe, la I D, si è recata con numerose altre classi dell’Istituto "G. Brotzu" presso il teatro "Le Saline" di Cagliari, per la visione dello spettacolo “Iliade” . Una messa in scena istruttiva ma allo stesso tempo comica poiché l’Iliade è stata rappresentata sotto forma di parodia.

Lo spettacolo è iniziato con una musica di sottofondo che ha introdotto i versi dell’Iliade in greco antico. All’improvviso un attore, che interpretava il ruolo di Zeus, attraversando la platea ha raggiunto il palco, cantando e incitando il pubblico a seguirlo al ritmo del sirtaki. Il sipario era ancora chiuso quando sono apparse due maschere rappresentanti Afrodite ed Era, che litigavano tra loro e sono state separate da Zeus. A sipario aperto, ecco in scena Paride, principe troiano, al quale Zeus affida il pomo d’oro, che doveva essere consegnato alla Dea più bella; Paride scelse Afrodite, la dea dell’amore, la quale in cambio gli ha donato Elena, ritenuta la donna più bella di tutta la Grecia, moglie di Menelao, Re di Sparta. Elena sarà colei che scatenerà la guerra tra troiani e greci. In seguito, nello spettacolo sono entrati in scena altri protagonisti: Achille (il più valoroso tra i soldati greci), Patroclo (caro amico di Achille), Cassandra (chiaroveggente), Elena (moglie di Menelao ) e tanti altri, compresa la figura del narratore che in modo ironico imitava perfettamente il famoso conduttore televisivo Alberto Angela.

 

Gli attori presenti nel palco erano quattro ( vi erano anche delle voci fuori campo), ma i personaggi da rappresentare erano veramente tanti. Sono rimasta stupita della loro professionalità e della loro spontaneità nel recitare. Riuscivano a cambiare personalità in pochi secondi in base al personaggio che dovevano rappresentare. A volte erano tristi, subito dopo erano allegri, ballavano e saltavano di gioia. I costumi erano adatti ai diversi ruoli dei protagonisti:  i più erano raffinati, alcuni erano anche ridicoli, e ciò rendeva i personaggi comici e allegri. Tra gli effetti speciali, in alcune scene vi è stato l’utilizzo del fumo che rendeva l’azione più suggestiva. Anche le musiche erano attentamente selezionate e appropriate alla scena. Finito lo spettacolo gli attori si sono presentati: Giuseppe Ligios (interprete di Zeus, Odisseo, Priamo e Achille); Antonello Foddis ( interprete di Menelao, Ettore, Aiace Telemonio, Elena e Enea); Lucia Dore ( interprete di Penelope, Polissena, Andromaca, Cassandra, Athena, Era e Afrodite); Roberto Bilardi ( interprete di Paride, Agamennone, Patroclo e del narratore ), che si sono resi disponibili per le domande ei pareri sullo spettacolo da parte del giovane pubblico. In conclusione, lo spettacolo è stato di mio gradimento perché mi ha fatto divertire, tuttavia non sempre sono riuscita a capire appieno lo svolgimento delle vicende dell’Iliade,inoltre alcune scene mi sono apparse esageratamente volgari.
 

Leila Pedditzi  I D





 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questo articolo
Credits