Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C.

BROTZU ONLINE
BROTZU MEDIA
LA REDAZIONE
LA SCUOLA

Cultura  / Teatro

Un giorno a teatro

Un giorno a teatro, parodia dell’Iliade

 

Il giorno 23 Ottobre 2014 la mia classe, la I D, ha assistito, insieme a tante altre classi del nostro istituto, il Liceo “G.Brotzu”, allo spettacolo Iliade, presso il teatro Le Saline di Cagliari. Lo spettacolo ci è stato proposto dalla compagnia Akròama, composta dagli attori Giuseppe Ligios, Antonello Foddis, Lucia Dore e Roberto Bilardi.
 

 

L’attore protagonista è stato Giuseppe Ligios, il quale ha interpretato i fondamentali ruoli di Ulisse e Achille, oltre a quelli di Zeus e Priamo. Lo spettacolo comincia con l’episodio del pomo della discordia, in cui la scelta di Paride (interpretato da Roberto Bilardi) ricade su Afrodite, che in cambio gli dona l’amore di Elena (Antonello Foddis) e da qui partono le vicende che portano alla guerra, la quale viene raccontata dalla divertente figura del narratore che riveste i panni di Alberto Angela (Roberto Bilardi).
 

In questo spettacolo sono stati inseriti episodi tratti dalla mitologia greca e da diverse opere di autori classici, tra cui Le troiane di Euripide. A questo proposito è stata interessante la figura di Polissena (Lucia Dore), che assiste, non vista, all’’uccisione di Troilo, suo gemello, da parte di Achille. Per vendicarsi, Polissena farà in modo di avvicinarsi ad Achille, al quale carpirà il segreto della sua vulnerabilità. In questo modo Polissena potrà vendicare il fratello ucciso grazie a Paride, fratello della stessa, che colpirà fatalmente Achille con le sue frecce. La storia prosegue con la sfida per il possesso dell’armatura di Achille tra Odisseo e Aiace Telamonio, a causa della sua sconfitta quest’ultimo farà una strage di bestiame per poi togliersi la vita. In seguito, come nel grande classico, Ulisse ha la grande idea del cavallo di legno che, nonostante le profezie di Cassandra, porta alla distruzione della stessa, evento con il quale termina la storia.
 

Lo spettacolo mi ha impressionato positivamente, molto spesso mi ha fatto ridere. Tra le poche pecche che ho trovato c’è stato il dialogo iniziale recitato in napoletano da due voci fuori campo, del quale sono riuscito a capire il senso solo nel post-spettacolo con le domande degli spettatori rivolte agli attori. Un altro aspetto che non mi è piaciuto è che senza conoscere in anticipo l’Iliade sarebbe stato molto difficile seguire il filo della storia. La scenografia era abbastanza povera, sul palco vi era solo un pannello che faceva da sfondo ed era utilizzato anche per rappresentare delle scene con la tecnica delle le ombre cinesi. Nel complesso, però, lo spettacolo mi è piaciuto.


Simone Zedda I D





 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questo articolo
Credits